Il “museo liquido” | I musei marittimi per la salvaguardia e la valorizzazione della costa

Si terrà al Museo della Marineria di Cesenatico, i prossimi 5 e 6 maggio, il 23. Forum of Mediterranean Maritime Heritage, organizzato dall’Association of Mediterranean Maritime Museums (AMMM), il network che riunisce i musei del mare Mediterraneo. Si parlerà del ruolo dei musei come rivelatori del “paesaggio culturale” marittimo e dunque come promotori della salvaguardia e valorizzazione delle coste del nostro mare. Saranno presenti a Cesenatico per l’occasione i direttori dei principali e più attivi musei marittimi di Italia, Spagna, Francia, Croazia, Slovenia e altri paesi mediterranei. Cesenatico è stata scelta come sede del Forum grazie all’azione portata avanti da anni sul versante della riscoperta e valorizzazione culturale e turistica dell’identità marinara.

Sarà il Museo della Marineria di Cesenatico la sede del 23. Forum del Patrimonio Marittimo Mediterraneo, appuntamento organizzato ogni anno da AMMM, sigla che identifica la rete dell’Association of Mediterranean Maritime Museums che riunisce appunto i musei marittimi del mare nostrum. Ne fanno parte musei di grandi città mediterranee, come Genova, Barcellona, Malta, insieme a quelli di località più piccole, come Rovigno, Pirano, e la stessa Cesenatico, ma non meno importanti e dinamici. Il Forum AMMM si svolge ogni anno con un programma aperto al pubblico per dibattere e comunicare temi che riguardano il ruolo dei musei marittimi, da sempre impegnati sul versante del rapporto dell’uomo con il mare, i porti, la costa, dove gli aspetti storici e antropologici si mescolano con la più stretta attualità, come l’immigrazione e la promozione di attività economiche sostenibili, prima fra tutte il turismo.

La mattinata inaugurale del Forum, il 5 maggio, affronterà il tema del museo come rivelatore della storia e identità marittima, e dunque come ispiratore di politiche di salvaguardia e sostenibilità. Bisogna superare – spiegano gli organizzatori del Forum – la concezione di un museo passivo, semplicemente “da vedere”: al contrario, il museo, che da sempre ha il compito di conservare e “narrare” la memoria di un luogo e di una comunità, può essere per questo motivo anche il più efficace presidio per la sua salvaguardia e valorizzazione, anche turistica. Un compito che appare tanto più utile e necessario nel momento i cui, in tutto il Mediterraneo, emerge un forte interesse a ricercare nuove modalità di fruizione culturale e turistica legate alla scoperta, all’incontro, all’esperienza.
Da questo punto di vista, la scelta di Cesenatico come sede del Forum non appare casuale: proprio la città romagnola ha infatti dimostrato grazie al suo Museo della Marineria che il recupero e la salvaguardia dell’identità marittima può diventare un elemento di distinzione e riconoscibilità, e la chiave per una migliore promozione e valorizzazione del luogo.

Il Forum si aprirà alle ore 9:30 di venerdì 5 maggio nella sala convegni del Museo della Marineria, con il saluto del Sindaco Matteo Gozzoli, seguito dagli interventi introduttivi di Mario Scalini, Direttore del Polo Museale del Ministero dei Beni Culturali per l’Emilia-Romagna, del Presidente dell’Istituto Beni Culturali dell’Emilia-Romagna Angelo Varni, e di Tiziana Maffei, Presidente di ICOM – Italia, la principale organizzazione che riunisce i musei di tutto il mondo. I lavori del Forum inizieranno subito dopo, preceduti da un ricordo di Predrag Matvejevic, il celebre scrittore da poco scomparso autore del celebre Breviario Mediterraneo e promotore di una visione del mare nostrum come luogo di incontro pacifico tra diverse culture.
Nel pomeriggio di venerdì e nella mattinata di sabato avranno luogo invece le relazioni sugli aspetti tecnico-professionali e sulle “buone pratiche” realizzate nei diversi musei, i cui direttori e curatori avranno anche l’occasione di incontrarsi e concordare varie forme di scambio e di partenariato, anche alla luce dei prossimi bandi europei.

Il Forum di Cesenatico ha ottenuto il patrocinio del Ministero dei Beni e Attività Culturali - Polo Museale dell’Emilia-Romagna, dell’Istituto per i Beni Culturali dell’Emilia-Romagna, e dell’International Council of Museums – ICOM Italia, nonché della Guardia Costiera. Anche questa iniziativa si avvale del supporto di Gesturist Cesenatico Spa.

 

Scarica la locandina
Scarica il programma in italiano
Download the program in English