Incendio al Museo Nazionale del Brasile, a Rio de Janeiro

Il Comitato Nazionale italiano di ICOM sostiene la dichiarazione ufficiale di ICOM International relativa al rogo che ha colpito il Museo Nazionale del Brasile.

 

TRADUZIONE ITALIANA DELLA DICHIARAZIONE UFFICIALE DI ICOM INTERNATIONAL

Il Consiglio Internazionale dei Musei (ICOM) desidera esprimere il suo profondo dolore per il devastante incendio che ha distrutto il Museo Nazionale del Brasile, a Rio de Janeiro, il più grande museo di storia naturale dell’America Latina e la più antica istituzione museale del Brasile. Ospitato nell’antico palazzo imperiale di São Cristóvão dal 1902, quest’anno il museo celebra il suo 200° anniversario.

Mentre siamo sollevati dal fatto che questo disastro non abbia causato vittime, siamo addolorati per la perdita della collezione inestimabile del Museo, che comprendeva importanti collezioni di storia naturale, mineralogiche, paleontologiche, archeologiche, etnografiche e documentarie con circa 20 milioni di oggetti.

ICOM, a nome della comunità museale internazionale, desidera estendere il suo solido sostegno ai lavoratori del Museo Nazionale del Brasile e la sua solidarietà con la più ampia comunità museale in Brasile e con il popolo brasiliano.

In questa giornata triste, non solo per il patrimonio brasiliano ma anche per l’eredità del mondo, desideriamo ribadire la nostra incrollabile fiducia nella resilienza e professionalità dei professionisti museali del Brasile e la nostra fiducia nella loro capacità di riprendersi da questo evento doloroso.

ICOM sta lavorando per mobilitare il suo Standing Committee per la gestione dei rischi di catastrofi (Disaster Risk Management, DRMC), i suoi International Committees per i musei universitari (University Museums, UMAC), per la documentazione (Documentation, CIDOC) e per la storia naturale (Natural History, NATHIST) e altri soggetti pertinenti nella nostra rete per canalizzare tutti i tipi di competenze necessarie per superare questo disastro.

 

Dichiarazione ufficiale di ICOM International:

Lascia un commento