Conferenza Generale ICOM – Milano 2016

Alcune considerazione sulla Conferenza

La 24a Conferenza Generale dell’ICOM  si è svolta a Milano dal 3 al 9 luglio 2016 nel migliore dei modi. Le ragioni per affermarlo sono davvero molte. La Conferenza ha registrato la maggior partecipazione di Soci della storia di ICOM: oltre 3300 partecipanti giunti da 130 paesi del mondo, di cui oltre 400 italiani.

Il tema della Conferenza, Musei e paesaggi culturali, che ha visto impegnato ICOM Italia nei quattro anni precedenti on l’organizzazione di  quattro incontri internazionali (Nuoro 2013, Siena 2014, Catania e Brescia 2015), ha trovato la sua sintesi nella Risoluzione finale (si vedano i collegamenti in fondo alla presente pagina) e nell’adozione della Dichiarazione di Catania da parte dell’Advisory Committee di ICOM.

Durante la Conferenza si è dato conto degli esiti dei due Censimenti condotti da ICOM Italia, nel 2014 e nel 2015, sul rapporto tra Musei e paesaggi culturali: delle 400 esperienze esaminate, sono state individuate 35 eccellenze; a dieci di queste è stata attribuita una menzione speciale.

ICOM Italia si è rafforzata, passando in due anni da 1000 a 1500 soci, stabilendo, anche grazie alla Conferenza Generale, un rapporto con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, potenziato dalla partecipazione del Ministro Dario Franceschini, del Direttore Generale Ugo Soragni e di molti direttori di musei, dirigenti e funzionari.

La collaborazione con ICOM Francia nel confronto teorico tra due realtà vicine ma diverse, si è fatta più stretta e si svilupperà nei prossimi anni su diversi fronti.

Dalla Conferenza si esce infine con la prospettiva concreta di completare il percorso iniziato a Siena con l’elaborazione da parte di tutte le Associazioni museali italiane della Carta di Siena 2.0 che sarà approvata il 21 ottobre nel Convegno di Cagliari.

 

Documenti

 

Multimedia